Come è cambiato il mestiere del fabbro?

0
6

La tecnologia, ormai parte fondamentale delle nostre vite personali e professionali, non ha certo cancellato con un colpo di spugna i mestieri tradizionali. Li ha indubbiamente cambiati, permettendo a chi li esercita di acquisire un nuovo sguardo sia sulla propria figura, sia sulle esigenze dell’utenza. Per scoprire come, è utile approfondire un esempio molto importante, ossia quello del fabbro. Vediamo assieme quali mutamenti ha vissuto negli ultimi anni questa antichissima professione, così rilevante per la storia dell’uomo da essere stata rappresentata più volte nei miti (chi non conosce la figura di Efesto, il fabbro dell’Olimpo per gli antichi Greci?).

Dalla bottega di quartiere agli spostamenti frenetici in giro per la città

Quando si pensa alla figura del fabbro, è naturale immaginare l’artigiano chiuso tutto il giorno nella sua bottega di quartiere. La situazione attuale è ben diversa. Chi affronta questo mestiere oggi deve avere sì un “quartier generale”, ma essere anche pronto a spostarsi in tempi limitati da un cliente all’altro, soprattutto se lavora in una grande città.

In virtù di fattori come l’aumento dei furti e la frequente rottura delle chiavi nelle serrature (da non dimenticare è anche la diffusione di soluzioni smart come le tapparelle azionabili tramite lo smartphone), chi esercita l’attività di fabbro in metropoli come Milano o Roma non può pensare di rimanere tutto il giorno fermo.

L’importanza della promozione web

Se c’è un mestiere che al giorno d’oggi non può prescindere dalla promozione online, questo è il lavoro del fabbro. Nelle grandi città, dove la popolazione è numerosa ed è molto diffusa anche la pratica degli affitti brevi (il che significa che in un medesimo immobile possono transitare anche diverse decine di persone in pochi giorni), è impensabile lavorare come fabbro e non essere raggiungibili sul web.

Chi digita la chiave di ricerca “fabbro Milano” molto spesso ha un’urgenza, motivo per cui si aspetta di trovare riferimenti chiari relativi ai contatti e alla disponibilità (si tratta di consigli che valgono ovviamente anche per gli altri centri urbani). Alla luce di questo aspetto, avere almeno un sito ottimizzato per i dispositivi mobile è a dir poco opportuno se si ha intenzione di avere successo e battere la concorrenza.

Il networking

Il lato artigianale del mestiere del fabbro non è certo scomparso. Viene però esercitato considerando leve diverse rispetto al passato. Tra queste, è possibile ricordare il networking. Farsi conoscere da studi di architettura o da architetti liberi professionisti è molto importante per avere nuove commissioni da parte di clienti con forti capacità di spesa.

Le creazioni artigianali dei fabbri sono infatti molto richieste da chi ha la possibilità di personalizzare nel dettaglio sia gli ambienti interni, sia gli spazi outdoor della propria casa. In questo caso, preziosi alleati si possono rivelare social basati sulle immagini come Instagram, grazie ai quali è possibile mettere in risalto le specificità e l’unicità dei propri lavori.

Fare il fabbro oggi è indubbiamente una scelta sfidante. Le opportunità per chi vuole iniziare questo mestiere stanno vivendo un periodo di crescita dopo uno stallo dovuto alla massiccia industrializzazione di molti processi. Oggi come oggi, stiamo per fortuna riscoprendo la bellezza delle creazioni artigianali - che hanno anche un impatto minore sull’ambiente - e, in molti casi, siamo disposti a spendere di più per un oggetto che sia unico.

A dimostrarlo ci pensa il fatto che le aziende che si occupano di arredamento artigianale continuano ad avere successo e sono sempre pronte a rivolgersi a botteghe specializzate per la realizzazione di mobili e complementi d’arredo.

Tornando al contesto delle grandi città, non dimenticare è anche il crescente bisogno di sicurezza, che porta le persone a investire nell’installazione di serrature e cancelli antifurto. In tali situazioni, se ci sono problemi è impossibile cavarsela senza l’aiuto di un fabbro serraturista esperto e in grado di intervenire in poche decine di minuti.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here